Una scelta in comune!

CSA---una-scelta-in-comune-WEB

Anche nel nostro Comune, al momento della richiesta della carta d’identità, il cittadino può manifestare la propria volontà di diventare donatore di organi, che verrà annotata sul retro della carta stessa. Si invita tutti a partecipare all’incontro informativo previsto per il 19/02/2016, ore 17:30, presso la sala consiliare comunale.

Saluti,

Dott. Massimo Cardone

Carta dei Servizi anno 2015

Sono descritti tutti i servizi a disposizione dei cittadini, erogati dal nostro settore comunale.

clicca qui sotto!

Scarica il file presente nei documenti dell’anagrafe! Clicca qui

La CARTA DEI SERVIZI DEMOGRAFICI è un documento con cui si informa e si guida il cittadino nella conoscenza delle prestazioni che può ottenere, descrive finalità, modi, criteri attraverso cui i servizi vengono erogati. Si offre al cittadino la possibilità di affrontare serenamente i passaggi burocratici che lo accompagnano durante la sua vita dotandolo di un vademecum, in formato cartaceo ed informatizzato, che renda chiare e trasparenti le procedure necessarie per ottenere i provvedimenti relativi a: nascita, matrimonio, cittadinanza, residenza, carta d’identità, tessera elettorale ecc.. Conformandosi ai principi di uguaglianza, imparzialità, continuità, trasparenza, gli uffici demografici si propongono l’obiettivo di semplificare l’accesso ai servizi secondo i principi di economicità, efficienza ed efficacia . In questo documento saranno indicate informazioni utili agli utenti: orario di apertura al pubblico, nome del Capo Settore e nomi dei responsabili dei singoli procedimenti, numeri di telefono, indirizzi e-mail e altre informazioni di carattere generale.

Dott. Massimo Cardone

Matrimoni Civili a Città Sant’Angelo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In sintesi  cosa occorre…

A Matrimoni per sposi non residenti:

1. Delega del comune di appartenenza;
2. Dichiarazione degli sposi per la scelta;
del regime patrimoniale;
3. Fotocopie documenti degli sposi;
4. Generalità complete di 2 testimoni;
5. Ricevuta del versamento
su C/C postale n° 14111652 o
bonifico bancario IBAN n°:
IT 02 Z 08473 77250 000000071264

B Matrimoni per sposi residenti:

1. Certificato di eseguita pubblicazione;
2. Dichiarazione degli sposi per la scelta
del regime patrimoniale;
3. Fotocopie documenti degli sposi;
4. Generalità complete di 2 testimoni;
5. Ricevuta del versamento
su C/C postale n° 14111652 o
bonifico bancario IBAN n°:
IT 02 Z 08473 77250 000000071264

In ogni caso è necessario prendere contatto con l’Ufficio di Stato Civile
Tel 085/9696215
Fax 085/9696227

VEDI NUOVO REGOLAMENTO MATRIMONI CIVILI! clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli addobbi sono a cura e a spese degli sposi.

 

Dott. Massimo Cardone

Una rivoluzione nei servizi demografici

Legge n.183 del 12/11/2011 – Art.15 
Norme in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive. AUTOCERTIFICAZIONE.
Dal 1° gennaio 2012, con l’entrata in vigore dell’art. 15 della legge 183/2011, nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e con i Gestori di Pubblici Servizi, i certificati sono sempre sostituiti dalla dichiarazione sostitutiva di certificazione.
La dichiarazione sostitutiva di certificazione è una dichiarazione che sostituisce il certificato, ed è obbligatoria nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni e con i Gestori di Pubblici Servizi, ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000, facoltativa nei rapporti con i privati.
Invece la dichiarazione sostitutiva di atto notorio è una dichiarazione che riguarda stati, qualità personali e fatti che siano a diretta conoscenza dell’interessato oppure relativi ad altri soggetti cui egli abbia diretta conoscenza e renda nel proprio interesse, ad esclusione delle situazioni espressamente previste come dichiarazioni sostitutive di certificazioni.
La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sostituisce l’atto di notorietà, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000.
Di conseguenza i certificati anagrafici vanno definitivamente in pensione, almeno per quanto riguarda gli atti e le procedure inerenti le Pubbliche Amministrazioni.
I cittadini che dovranno attestare la propria condizione anagrafica (nascita, stato di famiglia, cittadinanza etc.) dovranno obbligatoriamente avvalersi dell’autocertificazione e tutte le amministrazioni pubbliche (stato, regioni, enti locali, enti gestori di pubblici servizi) saranno obbligate ad accettarle, salvo poi disporre delle facoltà di verifica previste dalla legge.
L’autocertificazione diventa a tutti gli effetti un obbligo e non una mera facoltà discrezionale.
Le certificazioni rilasciate dagli uffici anagrafici comunali potranno ancora essere richieste nell’ambito dei rapporti con soggetti privati (banche, imprese, assicurazioni, società sportive, etc.) ma anche in questi casi sarà possibile far valere l’autocertificazione, previo consenso del soggetto privato richiedente.

REQUISITI:

Essere cittadini Italiani o dell’Unione Europea. .
Può essere presentata anche da cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione, regolarmente soggiornanti in Italia, nel caso la dichiarazione riguardi stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani.

COME FARE: .

Il cittadino deve presentare o spedire agli uffici pubblici ed ai gestori di pubblici servizi (Enel, Telecom, Aci, Gestori di Trasporti Pubblici) una dichiarazione personale, su carta semplice, conforme ai modelli allegati, attestante quanto avrebbe dovuto essere contenuto nei certificati.
La dichiarazione sostitutiva di atto notorio da presentare alle Pubbliche Amministrazioni o ai Gestori di Pubblici Servizi deve essere sottoscritta in presenza del dipendente addetto ovvero anche spedita unitamente a fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore.
Se deve essere presentata a soggetti privati è necessaria l’autentica della sottoscrizione da fare presso l’Ufficio Anagrafe.

AVVERTENZE:

IL CITTADINO E’ RESPONSABILE DI QUELLO CHE DICHIARA CON L’AUTOCERTIFICAZIONE.
Le amministrazioni ed i privati hanno la potestà di effettuare controlli sulla corrispondenza alla verità delle autocertificazioni. In caso di DICHIARAZIONE FALSA il cittadino viene denunciato all’autorità giudiziaria e decade dagli eventuali benefici ottenuti con l’autocertificazione.

COSTI

ATTENZIONE: con la dichiarazione sostitutiva di certificazione non si paga l’imposta di bollo (euro 16,00), né i diritti di segreteria.
L’autenticazione della sottoscrizione (solo per le dichiarazioni sostitutive di atto notorio da presentarsi a soggetti privati) è soggetta all’imposta di bollo ed ai diritti di segreteria.

Residenti in 3 giorni

Il Responsabile del Settore “Servizi Demografici”

COMUNICA CHE dal 09/05/2012 la dichiarazione di residenza resa dal cittadino produce effetti giuridici dalla data di presentazione ai sensi della legge 4 apr. 2012 n° 35(di conversione del Decreto-legge 9 feb. 2012, n° 5), e la pratica si perfezione nei 2 giorni lavorativi successivi.
Per la dichiarazione si deve utilizzare esclusivamente l’apposito modulo ministeriale (si può scaricare dal nostro sito – sez. Anagrafe e Stato Civile) , e consegnarlo secondo una delle seguenti modalità:
1) allo sportello
2) fax (CON FIRMA AUTOGRAFA E COPIA DOCUMENTO)
3) raccomandata (CON FIRMA AUTOGRAFA E COPIA DOCUMENTO)
4) telematica, ad una delle seguenti codizioni:
a) dichiarazione sottoscritta con firma digitale;
b) identificazione informatica mediante carta d’identità elettronica;
c) dichiarazione resa tramite pec del dichiarante;
d) dichiarazione con firma autografa e copia del documento tramite posta elettronica semplice.

GLI INDIRIZZI DA UTILIZZARE SONO I SEGUENTI:
-per A/R: P.zza IV novembre, 1 – 65013 Città Sant’Angelo (PE)
-FAX n° 085/9696227
-e-mail: info@comune.cittasantangelo.pe.it
-Pec: comune.cittasantangelo@pec.it

ATTENZIONE: IN CASO DI FALSE DICHIARAZIONI si decade dai benefici acquisiti (e ripristino situazione precedente) e si subiscono le conseguenze penali (ai sensi degli art. 75 e 76 DPR 445/2000).
infine decorsi 45 giorni dalla dichiarazione, entro i quali saranno svolti gli accertamenti, senza alcuna comunicazione all’interessato, opererà l’istituto del silenzio-assenzo, ai sensi dell’art. 20 della Legge 241/90.

Dott. Massimo Cardone

Autocertificazioni

UNA RIVOLUZIONE NEI SERVIZI DEMOGRAFICI:

Legge n.183 del 12/11/2011 – Art.15

Norme in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive. AUTOCERTIFICAZIONE.
Dal 1° gennaio 2012, con l’entrata in vigore dell’art. 15 della legge 183/2011, nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e con i Gestori di Pubblici Servizi, i certificati sono sempre sostituiti dalla dichiarazione sostitutiva di certificazione.
La dichiarazione sostitutiva di certificazione è una dichiarazione che sostituisce il certificato, ed è obbligatoria nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni e con i Gestori di Pubblici Servizi, ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000, facoltativa nei rapporti con i privati.
Invece la dichiarazione sostitutiva di atto notorio è una dichiarazione che riguarda stati, qualità personali e fatti che siano a diretta conoscenza dell’interessato oppure relativi ad altri soggetti cui egli abbia diretta conoscenza e renda nel proprio interesse, ad esclusione delle situazioni espressamente previste come dichiarazioni sostitutive di certificazioni.
La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sostituisce l’atto di notorietà, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000.
Di conseguenza i certificati anagrafici vanno definitivamente in pensione, almeno per quanto riguarda gli atti e le procedure inerenti le Pubbliche Amministrazioni.
I cittadini che dovranno attestare la propria condizione anagrafica (nascita, stato di famiglia, cittadinanza etc.) dovranno obbligatoriamente avvalersi dell’autocertificazione e tutte le amministrazioni pubbliche (stato, regioni, enti locali, enti gestori di pubblici servizi) saranno obbligate ad accettarle, salvo poi disporre delle facoltà di verifica previste dalla legge.
L’autocertificazione diventa a tutti gli effetti un obbligo e non una mera facoltà discrezionale.
Le certificazioni rilasciate dagli uffici anagrafici comunali potranno ancora essere richieste nell’ambito dei rapporti con soggetti privati (banche, imprese, assicurazioni, società sportive, etc.) ma anche in questi casi sarà possibile far valere l’autocertificazione, previo consenso del soggetto privato richiedente.

REQUISITI:

Essere cittadini Italiani o dell’Unione Europea. .
Può essere presentata anche da cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione, regolarmente soggiornanti in Italia, nel caso la dichiarazione riguardi stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani.

COME FARE:

Il cittadino deve presentare o spedire agli uffici pubblici ed ai gestori di pubblici servizi (Enel, Telecom, Aci, Gestori di Trasporti Pubblici) una dichiarazione personale, su carta semplice, conforme ai modelli allegati, attestante quanto avrebbe dovuto essere contenuto nei certificati.
La dichiarazione sostitutiva di atto notorio da presentare alle Pubbliche Amministrazioni o ai Gestori di Pubblici Servizi deve essere sottoscritta in presenza del dipendente addetto ovvero anche spedita unitamente a fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore.
Se deve essere presentata a soggetti privati è necessaria l’autentica della sottoscrizione da fare presso l’Ufficio Anagrafe.

AVVERTENZE:

IL CITTADINO E’ RESPONSABILE DI QUELLO CHE DICHIARA CON L’AUTOCERTIFICAZIONE.
Le amministrazioni ed i privati hanno la potestà di effettuare controlli sulla corrispondenza alla verità delle autocertificazioni. In caso di DICHIARAZIONE FALSA il cittadino viene denunciato all’autorità giudiziaria e decade dagli eventuali benefici ottenuti con l’autocertificazione.

COSTI

ATTENZIONE: con la dichiarazione sostitutiva di certificazione non si paga né l’imposta di bollo (euro 16,00) né i diritti di segreteria.
L’autenticazione della sottoscrizione (solo per le dichiarazioni sostitutive di atto notorio da presentarsi a soggetti privati) è soggetta all’imposta di bollo ed ai diritti di segreteria.

ELENCO POSSIBILI AUTOCERTIFICAZIONI

Sono riportati alcune principali autocertificazioni per gli utenti

 

 

 

Data Inserimento: 13/02/2012
Data Ultima Modifica: 17/05/2012